EnglishFrenchGermanItalian

PREVENZIONE E CURA

Gnatologia

La gnatologia è una branca dell’odontoiatria che studia la fisiologia, la patologia e le funzioni della mandibola(masticazione, deglutizione, fonatoria, posturale) e pertanto, studia i rapporti tra i mascellari, i denti, le due articolazioni temporo-mandibolari, i muscoli che muovono i mascellari e il sistema nervoso che comanda quei muscoli, compresa la lingua.

La terapia gnatologica consiste nel ristabilire i normali rapporti fra condilo mandibolaredisco articolare e fossa glenoide. Pertanto è la posizione mandibolare reciprocamente al cranio che fa la differenza tra successo ed insuccesso. Allo scopo servono materiali prevalentemente di resina e metallo (bite) che riposizionano la mandibola producendo allo stesso tempo un rilassamento muscolare dei muscoli masticatori e di tutti gli altri muscoli interessati.

Una volta eliminate le contratture si procede alla terapia di stabilizzazione dei risultati.

La Gnatologia viene definita anche Posturale, proprio perché, occupandosi tra le altre cose della posizione corretta della mandibola, ha a che fare con l’intera postura e l’equilibrio dello scheletro umano.

Quando andare dallo Gnatologo ?

  • MAL DI TESTA… andiamo dal dentista!
  • La Sindrome Occluso Posturale
  • Scoliosi… andiamo dal dentista!
Igiene

L’igienista dentale si occupa della prevenzione delle patologie oro-dentali, promuove la salute orale dei pazienti al fine di migliorarne anche la salute sistemica, nonché l’estetica e l’autostima.

La cura ha come fine la prevenzione e la terapia a livello del cavo orale con conseguenti implicazioni sistemiche.

Riveste un ruolo importante nella terapia non chirurgica di mantenimento dei pazienti con malattia parodontale (parodontite).

L’igienista dentale:

  • rileva i parametri biometrici del parodonto
  • collabora alla compilazione della cartella clinica a fini diagnostici e statistici
  • provvede all’istruzione sulle varie metodiche di igiene orale
  • fornisce consigli per una corretta alimentazione ai fini della tutela della salute dentale
  • usa mezzi diagnostici idonei ad evidenziare la placca batterica
  • effettua la rimozione (meccanica o manuale) di placca batterica e tartaro, dalle superfici dentali e implantari
  • effettua il polishing (lucidatura) delle superfici dentali
  • lucida e leviga restauri conservativi (otturazioni in amalgama e composito)
  • lucida e leviga restauri protesici fissi e mobili
  • esegue manovre di profilassi del cavo orale, quali applicazioni topiche di fluoro, agenti rimineralizzanti, sigillature dei solchi
  • prescrive collutori
  • prescrive fluoroprofilassi topica domiciliare
  • esegue sbiancamento dentale a fini estetici.
Parodontologia

La parodontologia studia i tessuti del parodonto (peri = attorno; odons = dente) e le patologie ad esso correlate.

Il parodonto è costituito da:
1- gengiva
2- osso alveolare
3- cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice del dente)
4- legamento parodontale.

La parodontologia si occupa quindi dell’insieme dei tessuti molli (il legamento periodontale e la gengiva) e duri (cemento e tessuto osseo alveolare) che circondano il dente e che assicurano la sua stabilità nell’arcata alveolare (in condizioni di salute).

La parodontologia, si occupa anche delle malattie che interessano il parodonto, queste vengono chiamate genericamente malattie parodontali o parodontopatie, o piorrea. Esse sono le parodontiti e le gengiviti.

Endodonzia

L’endodonzia si occupa della terapia dell’endodonto, ovvero lo spazio all’interno dell’elemento dentario, che contiene la polpa dentaria, costituita da componente cellulare, vasi e nervi.

Si ricorre alla terapia endodontica qualora una lesione cariosa o traumatica abbia determinato al dente una alterazione irreversibile del tessuto pulpare, fino alla necrosi dello stesso.

È possibile inoltre ricorrere alla terapia endodontica qualora l’elemento dentario debba essere coinvolto in riabilitazioni protesiche che, a causa della notevole riduzione di tessuto dentale stesso, determinerebbero con alta probabilità un’alterazione pulpare irreversibile (necrosi pulpare).

Pedodonzia

La pedodonzia o odontoiatria pediatrica è una disciplina che previene e cura le patologie odontostomatologiche del paziente in età evolutiva, dai 2 ai 16 anni.

L’attenzione è rivolta alla prevenzione delle lesioni cariose ed alla ricerca della collaborazione dei piccoli pazienti.

Il dialogo come terapia deve essere utilizzato per permettere al bambino di superare le sue paure, soprattutto per quanto riguarda quella del dolore, in possibile presenza di procedure che possono essere adottate, come chirurgia e trattamenti ortodontici ove necessari. Durante le sedute, un aiuto viene dall’utilizzo del protossido d’azoto.

Tra le più frequenti patologie troviamo:

  • Carie
  • Pulpite, l’infiammazione della polpa del dente
  • Ascesso, una raccolta di pus
  • Sindrome da biberon, ovvero una grave carie dei denti decidui, che può essere favorita da un allattamento prolungato
Vieni a scoprire la riservata ai nuovi clienti